When I was your age, I didn’t have a smartphone (spoiler alert: it’s because there were none)

8 Lug

Welcome back to my blog. One of the things that makes a generation realize they’re not the “newest” anymore is when they start saying “at your age” or “back in the day” when talking to someone younger.

I hate those things, because they are always reduced to making everything from the past look cooler than the new stuff, and they always talk as if there’s no way a 2018 kid would know about old music, old movies or old fashion trends.

However, this post is all about technology.

You see, I’ve read a lot of posts and articles about kids spending more time on their devices than what previous generations did, and many of them were structured like “when I was a kid, I didn’t have a smartphone” or something similar.

Good to know, but there is one problem: smartphones started circulating in 2007, so, if you were 13 in 2004, you didn’t have one simply because there were none!

iPods started showing up in 2001, tablets became mainstream with the iPad in 2010, streaming services like Netflix are something new, social media explodes in the late 2000s and this list could go on and on and on about modern technology being called modern because not so many of the things we have today were even conceived 20 years ago.

Sure, you weren’t that much on the phone in 1989, but because phones were only used to phone people back then. You didn’t spend all day on your computer playing videogames in 1977 because I don’t think it was even a possibility!

However, I won’t just talk to a generation old enough to be my parents’, but also to twentysomethings like myself.

We started hitting hard on todays’ kids, but we don’t look like an “older brother” type figure that we may expect, we’re actually some sort of bullies. We decided that spending hours creating posts about why you don’t like a show aimed at 5 year olds is good, and not the realization that you are a 26 year old spending hours to criticize cartoons for kindergarteners. We keep criticizing today’s social media craze, while forgetting that it started when we were kids and teenagers, and it’s likely we fuelled it to the top.

How can you be sure that, if today’s technology was available 10 years ago, you wouldn’t have used it? What makes you think that 12 year old you would have stayed away from Instagram stories? How can you know smartphones wouldn’t have occupied the majority of your day if they were around when you were 10?

I mean, we should stop bragging about not having had things that weren’t even there back in the day.

And with that I finish my post.

See you, next time, here, on the Empty Blog!

Annunci

Russia 2018: la Coppa del Mondo resta in Europa

7 Lug

Bentornati nel blog vuoto. Nel corso della giornata di ieri, le ultime due sudamericane rimaste (Uruguay e Brasile) sono state eliminate, per cui la Coppa del Mondo sarà sicuramente vinta da una squadra europea, per la quarta edizione di fila.

Fino al 2002, eccezion fatta per la doppia vittoria dell’Italia (1934-1938) e del Brasile (1958-1962), era una cosa naturale vedere le vincitrici alternarsi tra una sudamericana e un’europea.

1930 URUGUAY

1934 ITALIA

1938 ITALIA

1950 URUGUAY

1954 GERMANIA OVEST

1958 BRASILE

1962 BRASILE

1966 INGHILTERRA

1970 BRASILE

1974 GERMANIA OVEST

1978 ARGENTINA

1982 ITALIA

1986 ARGENTINA

1990 GERMANIA OVEST

1994 BRASILE

1998 FRANCIA

2002 BRASILE

Insomma, per 40 anni, la cosa è stata semplice: un’edizione disputata in Europa la vinceva un’europea, mentre un’edizione disputata nelle Americhe la vinceva una sudamericana. Poi, però, dal 2006, le nazionali europee hanno iniziato a dominare sul calcio mondiale.

Germania 2006 ha visto quattro semifinaliste su quattro essere europee (Italia, Francia, Germania e Portogallo), mentre Sudafrica 2010 ha visto l’Uruguay al di sotto di un podio europeo (Spagna, Olanda e Germania). Brasile 2014 ha visto una finale intercontinentale in Germania-Argentina, vinta dai tedeschi, mentre l’Olanda si prendeva il terzo posto.

Non era mai capitato che una confederazione vincesse tre edizioni di fila, e sembrava che Russia 2018 avrebbe invertito la tendenza, vista la mancanza di squadre importanti come Italia e Olanda e alcuni strafalcioni durante la fase a gironi (in particolar modo la Germania che esce dopo aver vinto solo una partita, per di più all’ultimo minuto), mentre il Sud America aveva mandato 4 squadre su 5 agli ottavi.

Poi, però, Argentina e Colombia sono cadute contro Francia e Inghilterra, mentre Uruguay e Brasile hanno perso nei quarti.

Di colpo, l’Europa si ritrova a detenere la Coppa del Mondo per 16 anni per la seconda volta nella storia, ma la prima era dovuta ai 12 anni di pausa tra il 1938 ed il 1950 dovuti alla Seconda Guerra Mondiale.

Cinque squadre sono attualmente rimaste. La Francia cerca il secondo titolo a vent’anni dal primo, mentre il Belgio ha finalmente compiuto il grande salto, ritrovandosi tra le prime 4. L’Inghilterra ha eliminato la Svezia, che sembrava essere una mietitrice di grandi squadre, e stasera Russia e Croazia si giocheranno l’ultimo posto.

In sostanza, Qatar 2022 rappresenterebbe per la CONMEBOL l’occasione per riprendersi i Mondiali dopo vent’anni. Vent’anni! Assurdo.

Alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Russia 2018: alcune curiosità sulle 32 presenti ai Mondiali

6 Lug

Bentornati nel blog vuoto. Quest’oggi si disputano le prime due gare dei quarti di finale, quindi volevo fare un articolo simile a quello che feci 4 anni fa per parlare di una cosa specifica sulle 32 nazionali presenti.

Cominciamo subito, ordinandole in base ai gironi che hanno disputato.

Continua a leggere

I film e le serie che ho visto a Maggio e Giugno 2018

3 Lug

Bentornati nel blog vuoto. A Maggio, ho visto talmente pochi film e telefilm che ho pensato di riservare articoli su ciò che ho visto al mese di Giugno … nel quale a mia volta ho visto molto poco. Per questo, adesso pubblicherò un articolo su cosa ho visto in questi due mesi. Cominciamo!

Continua a leggere

100 articles in 6 months

29 Giu

Welcome back to my blog. At the end of 2017, I decided that I didn’t want to feel “forced” to write articles on my blog, so I didn’t want to make some “boundaries” like “I should do this type of article every day” or “no two consecutive days should have the same number of articles” like I did last year. Initially, I did this thinking “I will have no limits, to the point I could do 30 articles”, and I felt ready.

But then, 2018 came, and I barely had any will to write articles. For January and February, I kept making one a day, but, from March onwards, I only wrote when I felt like, to the point I am only celebrating the 100th article of the year now, after 6 months.

Did something bad happen? No, I simply wanted my blog to feel like it was at the beginning, something where I’d put posts every now and then, without any troubles.

Sure, I can’t even remember when was the last time I only wrote 5 articles in one month, but this is how I handle my blog now, and I like it.

I don’t know if this will continue for the other 6 months, but I don’t want you to be alarmed: I still like writing posts here, it just stopped being one of my biggest hobbies.

In fact, I don’t have any idea about what to say here, so I will just finish. Thank you for always reading me, regardless of if I write 100 articles in 15 days or in 6 months.

See you, next time, here, on the Empty Blog!

Pride Month: Writing Diversity For Diversity Sake

27 Giu

Pride Month: be careful in writing diversity for diversity sake

Welcome back to my blog. Each year, during Pride Month, I tell myself “you should write something about it”, but I keep forgetting it. Because, yes, I am the kind of person that forgets to do something even when I tell myself to do it every day. There is a commission I was supposed to have done on early March that is still there despite the fact that I tell myself “do it” every day.

Anyway, I am digressing. Finally, an article on Pride Month is arriving, and I wanted to merge it with a topic I was interested in writing about: diversity for diversity sake.

Now, some people would use this expression to talk about various things, like, for instance, putting a diverse character where the source material does not include it. That is a different topic from this one, which will be more focused on different sexualities since it’s Pride Month.

So, let’s suppose you want to write a novel, and you have an idea about putting a secondary character to be the best friend of a main one. This character is, I don’t know, Artie Smith, and he’s his gay friend.

And this is where there’s risk of putting “my” diversity for diversity sake. If Artie has interests, a life outside the story, different feeling and other things (basically, if he’s a human being) that don’t always deal with his sexuality, then it’s okay.

If, however, Artie only talks about being gay, listens to gay music, doesn’t stop talking about gay topics and only has the emotion of a gay man at a pride parade, then it’s wrong.

There are many things that go in creating a character that should not be the sole characterization, and sexuality is one of them.

It is obviously fine if you want to put a gay, bi, ace or whatever “sexual” character you want, but this should not be the sole characteristic.

In fact, in my honest opinion, putting a character that’s so stereotypical about a minority that feels flatter than the pages they live in is even worse than putting no minority at all.

Of course, there’s nothing wrong if you disagree with me. No one should decide what you want to put in your story, and that obviously includes me.

Still, be careful when you put a diverse character, regardless of what makes them diverse (I don’t know, race, sexuality, beliefs …).

After all, think about someone you know that is part of a minority. Are they bi-dimensional people that only act and behave through minority stereotypes?

When was the last time you saw your gay friend all coloured in rainbow flags and giving fashion advices outside of a pride parade?

When was the last time you saw your Black or Asian friend talking about stuff from their native culture and only that?

You should focus about it, especially as a writer, because, usually, writers like us put diverse characters so that readers can relate, but it is too risky to do it without a properly done character.

Now, this article didn’t come out as good as I expected it, but I am so glad I finally wrote something during Pride Month. That moment when I don’t do it when I write every day but I do it in the month I barely wrote in.

Remember: diversity is fine, but stereotypical diversity isn’t.

See you, next time, here, on the Empty Blog!

Simboli simili provenienti da culture diverse in giro per il Mondo

20 Giu

Bentornati nel blog vuoto. Sapete qual è una cosa che adoro tantissimo quando studio le culture del Mondo? Quando mi accorgo di similitudini sia dirette sia indirette.

Ad esempio, c’è una lingua aborigena estinta la cui parola per cane era Dog, derivato da *Gudaga. Insomma, la stessa parola per definire lo stesso animale in due popoli che vivevano ai poli opposti del Mondo?

Certo, è meraviglioso anche quando le somiglianze sono dovute ai contatti, come elementi dell’arte ellenistica che hanno viaggiato lungo l’Asia fino a raggiungere il Giappone, dove ad esempio troviamo l’entasi delle colonne ma anche caratteristiche di figure mitologiche alquanto simili alle loro controparti greche (come il dio del vento che usa una sacca come Eolo).

Risultati immagini per japanese wind god

Per questo, a me piace moltissimo vedere simboli di varie culture eurasiatiche che arrivano a somigliarsi, soprattutto quando essi hanno radici talmente antiche che non è possibile attualmente conoscerne le origini (e il fatto che appaiano in vari punti del Mondo alimenta il mistero).

Ecco a voi, quindi, un articolo in cui parlo delle similitudini tra simboli soventemente usati in ambito spirituale, ma non solo.

Ah, prima di cominciare, vi avverto di una cosa: essendo io un semplice studente universitario, non affidatevi al 100% alle mie parole, e, se doveste trovare errori nel mio articolo, fatemelo sapere, in modo tale che io possa correggerli.

Risultati immagini per nodo di salomone

Nodo di Salomone

Questo simbolo araldico nei Paesi nordici ha attualmente il significato di “luogo d’interesse”, ma è possibile trovarlo anche in incisioni finniche medievali come simbolo di protezione dagli spiriti malefici e dalla sfortuna. Forse, conoscerete questo simbolo perché la Apple lo usa per il tasto di comando.

Risultati immagini per nodo di salomone apple

Ebbene, un simbolo del genere può essere trovato anche nella cultura del Mississippi, una civiltà nativo americana medievale, per quanto non sia molto chiaro il suo significato.

Notate il simbolo al centro, perché somiglia alla Croce Solare, di cui parleremo più avanti.

Inoltre, in Norvegia, tale simbolo è inserito nella stessa categoria del Valknut, uno dei simboli di Odino, la cui forma, però, richiama altri simboli di cui parlerò più avanti.

Risultati immagini per taijitu

Taijitu (Yin e Yang)

Tutti conoscono questo simbolo ed il suo concetto del dualismo di elementi opposti tra loro, ma con l’uno che ha sempre una parte dell’altro. Certo, forse non conoscevate il nome, ma trovo sia uno di quei simboli universalmente noti anche a chi non conosce nulla sulla cultura cinese.

Ora, tale simbolo è anche connesso con il ciclo del Sole e delle stagioni, tant’è che forme arcaiche del Taijitu sembravano rappresentare l’ombra del Sole in punti specifici dell’anno.

Ebbene, figure simili alla forma moderna del Taijitu possono essere individuati in tutta Europa, come in iconografie celtiche ed etrusche, oppure in uno scudo romano.

Risultati immagini per taijitu roman shield

Mi chiedo come adatterebbero il termine Taijitu in latino. Qualcosa come “Taicitus”?

Tuttavia, un caso più eclatante proviene secondo me dalla cultura di Cucuteni–Trypillia, diffusa in Europa dell’est, principalmente in Ucraina.

Immagine correlata

Ci sono numerose teorie a riguardo, tra cui una pressoché realistica che vedrebbe la presenza del “Taijitu” in Ucraina come frutto di uno scambio culturale, considerando che vasi simili allo stile di questa cultura sono stati trovati nella contemporanea cultura cinese di Yangshao. Sarebbe possibile, quindi, che il Taijitu abbia fatto il tragitto opposto, oppure che tale simbolo derivi da un antico popolo posto come via di mezzo, e il cui lascito alla Cina sia stato il simbolo dello Yin e dello Yang.

Risultati immagini per sun symbol

Il Sole col punto al centro

Il carattere cinese per indicare il Sole è 日, il quale, a primo impatto potrebbe confondere se non si sapesse che esso deriva da un simbolo trovato nelle antichissime iscrizioni di bronzo che raffigurano la nostra stella come un cerchio con al centro un punto.

Immagine correlata

Questo simbolo è quasi interamente identico al geroglifico egiziano che rappresenta il Sole.

Risultati immagini per sun hieroglyph

Simboli legati al Sole e alla Terra sono simili in numerose culture di tutto il Mondo, tant’è che, adesso, parlerò di un simbolo che rappresenta il ciclo solare.

Risultati immagini per triskelion

Triscele

Numerosi popoli hanno un simbolo legato al ciclo solare che usa tre gambe interconnesse al centro. Probabilmente, l’aver detto “tre gambe” (che è il significato di triscele) vi avrà fatto pensare alla Trinacria, simbolo della Sicilia sin dalla Magna Graecia, ma il termine triscele si riferisce soprattutto alla tripla spirale celtica.

Risultati immagini per trinacria

Forme simili sono individuabili anche in Estremo Oriente, per quanto quasi per caso. In Corea, il Taegeuk è un simbolo nazionale (infatti è raffigurato nella bandiera della Corea del Sud), e, nella sua variante tripla, sembra contenere la triscele.

Risultati immagini per samtaegeuk

Un altro simbolo simile è il Mitsudomoe giapponese, che è una variante “tripla” del Tomoe e che può rappresentare sia il dio della guerra Hachiman sia il ciclo della vita. Ponendo i tre magatama in modo ravvicinato, sembra quasi che, nel “negativo” bianco, si formi la triscele.

Risultati immagini per mitsudomoe symbol

Io trovo che abbia senso rappresentare il ciclo della vita usando quello solare, perché è un ottimo modo per rappresentare lo scorrere del tempo.

Una chicca legata alla Trinacria: l’isola di Man, che si trova tra la Gran Bretagna e l’Irlanda, ha il medesimo simbolo.

Risultati immagini per isle of man flag

Tuttavia, non è per qualche parallelismo con la Sicilia, ma hanno semplicemente preso l’emblema siculo e l’hanno adottato, pur essendo ironicamente un popolo celtico, e quindi la triscele è un simbolo “affine” alla loro cultura.

Risultati immagini per triquetra

Triquetra

In araldica, triscele e triquetra sono usati come sinonimi, ma essi rappresentano due simboli celtici molto diversi. La triquetra, ad esempio, rappresenta originariamente l’aspetto femminile del Divino, con le sue fasi (fanciulla, donna e anziana), mentre è divenuta col tempo anche un simbolo elementale o anche cristiano visto che può essere usato per rappresentare la Trinità.

Un simbolo simile faceva parte di un’antica cultura persiana, e, tramite la diffusione del buddhismo in Asia, esso è giunto in Giappone come musubi mitsugashiwa.

Risultati immagini per musubi mitsugashiwa

Sia il simbolo celtico sia quello giapponese possono essere trovati con la variante in cui un cerchio che percorre la triquetra.

Risultati immagini per pagan pentagram

Stella a Cinque Punte

Il Pentagramma ha avuto numerosissimi usi nel corso dei secoli, ma è anche un simbolo talmente antico che se ne trovano tracce fra i Sumeri.

Il suo ambito spirituale ed elementale, però, lo rende affine al Gobousei, che è un simbolo giapponese con cui sono raffigurabili i cinque elementi orientali (Acqua, Legno, Terra, Fuoco e Metallo).

Risultati immagini per gobousei

Una curiosità sugli elementi in Giappone: essi sono usati per indicare i giorni della settimana da Martedì a Sabato, perché gli altri sono per il Sole e la Luna. Tuttavia, poiché ogni elemento è associato a un pianeta, letteralmente i nomi dei giorni della settimana in giapponese significano Giorno della Luna, Giorno di Marte, Giorno di Mercurio, Giorno di Giove, Giorno di Venere, Giorno di Saturno, Giorno del Sole, con un incredibile parallelismo con gli equivalenti latini.

Risultati immagini per rosa camuna

Rosa Camuna

Vi siete mai chiesti cosa rappresenti il simbolo bianco della bandiera della regione Lombardia?

Esso è qualcosa legato al territorio lombardo da millenni, ossia una Rosa Camuna, un simbolo che si trova inciso da numerose parti nella cultura della Val Camonica, che ha abitato l’attuale Lombardia nell’età del ferro.

Tale simbolo, però, è del tutto simile ad un’incisione trovata in una brughiera inglese, al punto che molti hanno iniziato a speculare sulle sue origini. Pensate che uno scrittore di racconti per bambini ha perfino ipotizzato che rappresenti un boomerang.

Risultati immagini per swastika stone england

Una teoria plausibile vedrebbe delle tribù celtiche migrare in Gran Bretagna e, avendo visto la Rosa Camuna, hanno deciso di usarla come simbolo da incidere nella brughiera.

Risultati immagini per Happonyaguruma

Happonyaguruma

C’è un clan guerriero giapponese che usava la “ruota delle otto frecce” come proprio simbolo. Tale contesto permette di scorgere una somiglianza con il timone di timore, un simbolo magico islandese che serve a incutere terrore e proteggere il guerriero in battaglia.

Aegishjalmr.svg

Certo, a differenza degli altri, questo è un simbolo in cui la somiglianza estetica sembra un po’ forzata, ma è più che altro il significato interno.

Risultati immagini per croce solare

Croce Solare

Questo è uno dei simboli più antichi mai realizzati dal genere umano, e, come dice il nome, serve a raffigurare il Sole. Tale simbolo è individuabile in Mesopotamia, in Egitto, in Cina, a Creta, tra i Romani e molti altri popoli, e tutti lo usano per indicare il Sole.

Risultati immagini per croce celtica

Occhio a non confonderla con la croce celtica, che è questa

Poiché un altro antico simbolo per dipingere il Sole è quello con il punto al centro, esso è usato per rappresentarlo oggigiorno simbolicamente, mentre la Croce Solare è usato per rappresentare la Terra.

Trovo particolare che un simbolo che da millenni rappresenta il concetto di solare, celestiale e divino sia adesso il simbolo della Terra.

Questo articolo è giunto quindi alla sua conclusione. Mi auguro che sia stato di vostro gradimento, perché a me è piaciuto tantissimo scriverlo.

Cito, inoltre, l’articolo che mi ha ispirato nel realizzare questo, il cui link lo trovate cliccando qui.

Alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Risultati immagini per ancient triskelion