Luglio 2017: il più visualizzato di sempre

31 Lug

Bentornati nel blog vuoto.

Luglio 2017 è diventato il mio mese più visualizzato di sempre, raggiungendo record incredibili ed avendo una media alta e costante. Non male, considerando che la maggior parte dei miei articoli erano dedicati a lingue o a “The culture behind a Megazord”.

Tuttavia, voglio parlare di questo in un post a parte. Qui, rispondo alla domanda che mi ero fatto all’inizio: sarà un mese artistico?

Beh, la mia storia l’ho editata, ed ora sono nella fase in cui devo mandarla ai beta per vedere se va corretta, ma essenzialmente è stata la sola cosa artistica degna di nota che ho fatto.

Okay, ho anche fatto altre cose, come partecipare a “Napoli incontra il Mondo”, ma questo Luglio 2017 non è stato per niente come lo avevo immaginato, e ora spero che Agosto riesca perlomeno a compensare, così da darmi un’estate memorabile.

Dai, andiamo a parlare dei record, che è giusto concludere il Luglio del blog in modo positivo. Almeno lui, obiettivi importanti li ha raggiunti.

 

Questo era un mese speciale, perché celebravo i 5 anni dal mio primo post. Così, speravo che, in qualche modo, fosse speciale.

Beh, non pensavo che sarebbe diventato il mese più visualizzato di sempre, superando con facilità quota 13.000. Insomma, è stato un mese altissimo, e senza avere boom a quattro cifre. Anzi, togliendo il giorno più visualizzato del mese, manterrebbe comunque il record.

Intanto, una delle settimane, con 3.667 visualizzazioni, è diventata la più visualizzata di sempre, record che nelle altre occasioni raggiungevo con boom assurdi.

Così, posso ufficialmente dire che un mese in cui ho festeggiato un anniversario, realizzato due speciali “mensili” che speravo di effettuare da due anni, raggiunto quota 4.000 post e superato vari record, può concludersi qui. Spero che siate ancora con me anche ad Agosto.

Alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Lettori, sento il bisogno di scrivere una cosa qui, e la faccio in bianco perché, tanto, non penso proprio che qualcuno cercherà questo articolo e leggera.

Vedete, io avevo numerose aspettative da questo mese. Non dico che fossero altissime, ma volevo comunque godermi Luglio 2017 e dedicarmi alle mie passioni.

Invece, non ho fatto altro che sentirmi in colpa. Non avendo passato gli esami universitari per l’ennesima volta, ho iniziato a sentirmi e vedermi come un fallimento ed una delusione, qualcuno che non riesce a combinarne una giusta. E non mi è neanche bastato uscire con gli amici ogni tanto, perché sentivo di non riuscire a meritarmelo, quando dovrei passare le giornate studiando.

Credetemi, io ci provo di continuo, ma sento di non andare da nessuna parte. Ero arrivato ad un punto in cui mi stavo quasi sentendo male fisicamente perché mi stressavo tra studio e passioni. Sì, le mie passioni mi stressano. Soprattutto la scrittura: sto completando un racconto, eppure non vedo in me miglioramenti. Ho anche partecipato al Camp NaNoWriMo di Luglio, vincendolo pure, ma non ho avuto molte sensazioni positive.

Quanto al blog, a me è dispiaciuto vedere come Luglio 2017 sia andato così bene. Insomma, pensavo “proprio questo doveva essere il mese migliore di sempre?”, perché non sopportavo l’idea che il mio blog raggiungesse tanti bei traguardi in un periodo in cui mi sento un inutile peso.

Ora, io mi sto sfogando con voi, che non mi conoscete e, forse, non lo farete mai, ma sentivo il bisogno di scrivere da qualche parte come mi sono sentito davvero a Luglio, e mi faccio una promessa: non sentirmi così anche ad Agosto. Tutte le ambizioni che avevo (studiare fino allo sfinimento, dedicarmi alla scrittura, fare nuove esperienze – anche se ne ho fatte a Luglio: ora cucino più spesso ed ho visitato un posto nuovo -, magari registrare dei podcast e godermi questa estate).

Perché io sono costantemente ostinato a pensare che, ormai, ho 24 anni, e lo dico non sentendomi più giovanissimo. Insomma, quelli che hanno sostenuto l’esame di maturità poche settimane fa andavano in terza media quando l’ho sostenuto io. In prima superiore adesso ci sono ragazzi che, per la maggior parte, non erano ancora nati quando avevo dieci anni. Insomma, mi sento “grande” e vuoto, e vorrei perlomeno realizzare qualcosa.

Certo, un grande progetto non lo realizzi in un mese, ma voglio trasformare il mio “ormai ho 24 anni, non posso più fare certe cose” in “ho 24 anni, la vita è breve e non voglio passare il resto della mia gioventù in questo stato d’animo”.

Spero vivamente di mantenere la mia promessa e sentirmi bene ad Agosto, perché esigo che questa estate 2017 mi dia qualcosa di positivo che valga la pena ricordare.

Ecco, ho finito ora, e posso passare all’ultimo articolo del mese, dedicato ai traguardi raggiunti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: