“Il tedesco è una lingua rabbiosa”

16 Lug

Germania – Bandiera

Bentornati nel blog vuoto. Ogni lingua ha i suoi stereotipi: lo spagnolo è l’italiano ma con le s alla fine di una parola, in cinese tutto suona come il nome della città di Chongqing, in italiano basta usare il gesto del “ma che vuoi?” e così via.

Uno stereotipo che, però, non comprendo, è quello sul tedesco, ossia che è una lingua rabbiosa, di quelle in cui persino parole come schmetterling, che significa “farfalla”, sembrano imprecazioni da gridare in preda al nervosismo.

Il motivo? Quando fanno gli esempi, si mettono a dire le parole tedesche urlando loro stessi. Ovvio che schmetterling sembra un insulto se lo dici con la faccia arrabbiata e alzando la voce. Se parlassimo così in inglese, non trovereste che butterfly sembri ancora più offensivo? Dopotutto, inizia con “butt” che significa sedere.

Così, volevo giusto dedicare questo post all’ingiustizia del tedesco che è sempre visto come un idioma possente e nevrotico, quando può avere il suo lato dolce e gentile.

Secondo me, è che tutto deriva dall’immagine che abbiamo della Germania, ossia un Paese praticamente perfetto e schematico dove tutti compiono il proprio dovere e, volenti o nolenti, sono leader nello sviluppo e nell’innovazione (pensate all’Unione Europea).

Insomma, pensate ad una nazione e ditemi se non immaginate la loro lingua come combaciante con i loro stereotipi. Il francese che suona come ultra “snob”, lo spagnolo sempre “caliente”, il danese un po’ freddo e così via.

Non penso che questo stereotipo avrà mai fine, ma provate a pronunciare parole tedesche come fareste normalmente, e scoprirete che hanno dei suoni alquanto piacevoli.

Alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Annunci

3 Risposte to ““Il tedesco è una lingua rabbiosa””

  1. The girl with the sun in her eyes 16 luglio 2017 a 10:08 am #

    Sento spesso i miei zii parlare in tedesco, non è una lingua dai suoni dolci, come potrebbe esserlo il francese, ma il significato delle parole è lo stesso. È questione d’abitudine. Credo che una lingua debba essere un ponte tra persone, popoli, culture, prima di ogni altra cosa.

    • ilblogvuoto 16 luglio 2017 a 10:35 am #

      A me dà fastidio perché, per esempio, anche l’italiano suonerebbe come una lingua nevrotica se iniziassi a parlare urlando a più non posso!

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il mese linguistico | Il blog vuoto - 31 luglio 2017

    […] “Il tedesco è una lingua rabbiosa” […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: