Cacca, Merda, Stronzo: etimologie di tre termini che indicano gli escrementi

19 Mag

Bentornati nel blog vuoto.

No, non sono impazzito. Il fatto è che io, spesso, mi pongo un quesito: quando una parolaccia ha anche sinonimi che non lo sono considerati, com’è che viene deciso che una specifica parola è usata per la parolaccia?

Pensavo quasi di farlo con i sinonimi di pene, ma il motivo per cui l’ho sempre pensato era per il binomio cacca/merda. Insomma, perché, fra le due, è “merda” la parolaccia?

Così, ho pensato di fare un articolo a riguardo.

E “stronzo”? Beh, questa parola deriva dal longobardo per “sterco”, ossia strunz. Io penso che il suo essere un termine straniero sia stato utile per identificare gli stronzi. Insomma, pensate all’espressione “è un vandalo”. Magari, “è uno stronzo” era un modo per indicare che qualcuno era “sterco di barbaro”, ma questa è soltanto una supposizione. Quel che sappiamo è che uno degli insulti più piacevoli da lanciare deriva da una lingua straniera. E il bello è che è soltanto una delle tante parole italiane che derivano dal longobardo.

Comunque, io penso che derivi tutto dalla radice indoeuropea di cacca e merda.

Avete presente quando si dice che qualcosa di rumorosamente fastidioso è “cacofonico”? Ecco, perché “cattivo” in greco si dice κακῶς (kakos), ed ha la stessa radice di cacca (che si collega al latino “cloacare”. Sapete cos’è una cloaca, giusto?). Considerando, poi, che kak- è la radice sanscrita per lo sterco, allora è rimasto nel concetto indoeuropeo “qualcosa di brutto, quindi schifoso, quindi cacca”.

Con “merda”, però, siamo su un altro livello. Okay, la radice è indoeuropea, perché comunque c’è l’aggettivo greco smerdalèos che significa “orrido”, mentre smirdas significa puzzare. Come noterete, qui siamo su un’altra sfera: quella dello schifoso e del disgustoso. Insomma, cosa c’è di più schifoso e disgustoso della merda?

Ecco, quindi, che appare più comprensibile come mai “cacca” non sia la parolaccia, a differenza di “merda”, termine ritenuto volgare. Il primo rientra nel brutto, il secondo nell’orrido.

Grazie per avermi permesso di togliermi questa curiosità, anche se ho usato più parolacce qui che in cinque anni di articoli.

Adorerei farne altri di così.

Alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: