Sherlock: perché la quarta stagione non è queerbaiting

22 Apr

Bentornati nel blog vuoto.

Sapete cos’è il queer baiting? In parole povere, qualcosa di male. Molto male.

In sostanza, si ha queer baiting quando si inserisce della tensione omoerotica tra due personaggi (possono essere entrambi canonicamente eterosessuali o anche “ambigui” nel senso che restano in silenzio sull’argomento) senza però mai andare oltre.

L’esempio principale che mi viene in mente è Teen Wolf. Jeff Davis praticamente ci campa con il queer baiting, ed è solo uno dei motivi per cui non comprendo quelli che lo elogiano in quanto sceneggiatore. Che elogio c’è nel prendere per i fondelli non solo gli spettatori, ma una porzione degli stessi che vorrebbe vedersi rappresentata?

Inoltre, c’è chi pensa che Sherlock Holmes e John Watson rappresentino un perfetto esempio di queer baiting, considerando che i fan li vedono come una coppia sin da quando Sir Arthur Conan Doyle era in vita. C’è, infatti, chi pensa che le fanfiction (principalmente le slash fiction) nascano grazie a Sherlock Holmes.

Per questo, ogni adattamento delle opere di Doyle soffre di questo aspetto, in primis la serie della BBC con Martin Freeman e Wimbledon Tennismatch.

Burnisland Cowdenbeath.

Benedettini Confettini.

Benedict Cumberbatch. Io adoro come quest’attore sia talmente famoso sul web che basta mettere due parole a caso e i lettori capiscono subito di chi si parli.

Comunque, il Johnlock di questa serie si avvicina in modo incredibile al queer baiting, per quanto John adori sottolineare ogni volta come lui non sia gay (poi spiego perché la cosa ha senso per me). Tuttavia, abbiamo la quarta stagione che mostra che il Johnlock non può essere paragonato al trattamento di altre ship come lo Sterek (Jeff Davis, non è che ti odio, è che se vedessi un cavallo che ti dà un calcio sull’addome, riderei), perché … il Johnlock non è amore, ma qualcosa di più.

Più volte i due hanno dimostrato di tenerci così tanto l’uno a l’altro che se sono separati è come se vivessero senza una parte di loro stessi, come il Visconte Dimezzato, presente?

Questo perché loro non è che si amano: l’uno esiste per l’altro.

Certo, qualcuno ipotizzerebbe che ci sia queer baiting nei vari “non sono gay” di John, ma io penso che ci si possa innamorare di una persona senza per forza essere attratti da quel sesso. Magari, Tizio non è gay, ma ama soltanto Caio. Oppure una ragazza può amare un ragazzo senza essere per forza bisessuale. Quel che cerco di dire è che l’amore è qualcosa che può coglierti sempre, e tu non puoi mai sapere di chi andrai ad innamorarti.

Okay, trovo difficilissimo parlare del concetto senza fare spoiler, quindi andrò a farne, intesi? Se non avete finito Sherlock, NON ANDATE OLTRE.

Chi mi troverà?

Io sono perduta

Camminerai

E il faggio troverai

Bene, ora che se ne sono andati tutti, continuiamo a parlare.

Alla fine della quarta stagione, abbiamo un John diventato da poco vedovo. Già qui, trovo giusto che non abbiano lasciato che tra lui e Sherlock sbocciasse una volta per tutte l’amore, perché non è che un uomo va oltre quando ha appena perso sua moglie. Soltanto le soap opera o le serie scadenti lo farebbero, e Sherlock non è né l’una né l’altra.

Lui e Sherlock, però, sembrano essere due figure paterne per la piccola Rosie. O meglio, John è il padre effettivo, ma lui e Sherlock sono spiritualmente l’uno il completamento dell’altro, quindi è come se entrambi fossero il loro padre, ma anche no. Giuro che pensavo avesse senso quando digitavo i tasti: forse la pizza mi fa un effetto strano stasera.

Certo, qualcuno sarà deluso da come il loro rapporto si sia evoluto sino a diventare una famiglia, ma per me è qualcosa di stupendo: i Johnlock sono l’esempio massimo dello sviluppo di una storia. Quante altre coppie telefilmiche riescono andare oltre l’amore, diventando una congiunzione spaziotemporale all’interno dei loro spiriti?

Dai, io direi di concludere l’articolo qui, principalmente perché sembra quasi che abbia rubato i cerotti a Sherlock.

Lo so, perdonatemi per il “deludente articolo”, ma vi do appuntamento alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: