Archivio | settembre, 2015

La NASA ha annunciato che esiste l’acqua su Marte: è salata ed appare ciclicamente

30 Set

Bentornati nel blog vuoto.

Fino a pochi giorni fa, si credeva che l’acqua esistesse su Marte solo tramite piccole calotte glaciali, oltre che in piccole (e misteriose) emissioni di vapore.

Insomma, l’acqua allo stato solido e gassoso è presente sul Pianeta Rosso. E lo stato liquido?

Dopo che, qualche anno fa, era stato ipotizzato che alcune formazioni rocciose di Marte fossero state formate da grandi formazioni d’acqua, si credeva che l’acqua allo stato liquido su Marte fosse scomparsa due miliardi di anni fa.

In questi giorni, però, il satellite americano Mro ha scoperto che Marte ha un “ciclo dell’acqua” stagionale, con ruscelli salati che compaiono in determinate stagioni (stando alla NASA, in Primavera ed Estate), per poi scomparire del tutto nelle altre (ovviamente, durante l’Autunno e l’Inverno).

Questa scoperta chiarisce finalmente il mistero delle “strisce scure” che appaiono ai piedi di formazioni rocciose durante le stagioni calde.

La notizia ha riacceso i dibattiti circa le ipotesi dell’esistenza della vita su Marte, dal momento che, adesso, sarebbe possibile pensare che esistano esseri viventi in grado di vivere in condizioni estreme e di nutrirsi tramite i sali di questi fiumi.

Per maggiori informazioni, vi lascio il link del video dell’annuncio della scoperta da parte della NASA.

Per il resto, vi do appuntamento alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Doubutsu Sentai Jyuuouger: what I expect from the 40th Super Sentai season!

29 Set

Super Sentai 1975-2011

Welcome back to my blog.

Finally, we got to know the title for the next Super Sentai anniversary season. Thanks to a thread from Rangerboard, it was revealed that the next season will be called Doubutsu Sentai Jyuuouger (although the spelling may change, just like Tokkyuger became ToQger).

What a title! I mean, even though Jyuuouger is written in katakana, the translation of this title may be Animal Squadron Beast Kings (Both “ou” and “ouja” mean “king” in Japanese, which is a nice follow-up to the NinNinger title pun).

This is great, because it means that we’re not having just a “wild beast” or a “forces of nature” team. It will be just about animals, although it will be the ultimate Sentai with an animal motif.

Jyuuouger

December 9th update: this is the first look at the suits. They look good, don’t they?

Beasts and animals, either living, extinct or legendary, have been the main theme for many seasons (Sun Vulcan, Changeman, Liveman, Jetman, Zyuranger, Dairanger, Gingaman, Gaoranger, Abaranger, Gekiranger and Kyouryuuger), other than a secondary theme for other ones (Kakuranger, Hurricanger, Magiranger, Go-Onger, Shinkenger, Goseiger and Go-Busters). Also, you can find animal and/or beast-themed mechas every now and then (for instance, the current Sentai, NinNinger, has a dog mecha for Shironinger and a Bison mecha for Starninger, as well as a lion-shaped carrier).

That said, it makes sense for the 40th season to be animal-themed.

However, what can we expect from Jyuuouger? This is my honest opinion, so I hope you’ll share yours with me.

Continua a leggere

Offline Webseries: un anno dopo

28 Set

Bentornati nel blog vuoto.

Un anno fa, alle ore 20:11, io scrissi questo su un gruppo di Facebook:

Pensavo a una cosa pazza: qui ci sono tanti aspiranti scrittori, sceneggiatori, attori, cantanti e tanto altro. E se creassimo un cortometraggio o robe simili? […]

La scrissi perché, nonostante sembravo intenzionato a voler accantonare la mia passione per la scrittura, pensavo a quando, nel 2011, provai a creare una webserie tramite i miei amici da tutta Italia (era una storia alla Pretty Little Liars ma coi personaggi di Che Splendida Estate. Non credo di aver mai provato a sceneggiare nulla di più squallido!), e che, l’anno dopo, sembravo essere in procinto di crearne un’altra con un amico di mio fratello.

Insomma, mi era rimasto sul groppone il non averle mai girate, motivo per cui proposi questa cosa al gruppo.

Ricordo anche che la mia ansia era così grande che, nei minuti successivi, mi stavo quasi già pentendo, convinto che non se ne sarebbe fatto nulla. Invece, alcuni membri del gruppo decisero comunque di dare il via ad un progetto.

Così, nei giorni successivi, ho riesumato il gruppo della tentata webserie del 2011 per “ospitare” coloro che volevano realizzarla. Col passare dei giorni, il gruppo si è sfoltito, fino a diventare, più o meno, il gruppo di coloro che hanno sceneggiato la webserie, insieme ad altri, che ci hanno accompagnato in questi mesi.

Insieme, abbiamo deciso il titolo (Offline Webseries, abbreviato in Offline), stabilito personaggi, trame e location, per poi procedere alla sceneggiatura. Per fine Novembre, avevamo già scritto tutto, per cui non ci restava che trovare gli altri attori, oltre che un regista.

La nostra ricerca è durata circa sei mesi, nel corso dei quali abbiamo trovato il cast maschile, il regista e i suoi assistenti ed abbiamo iniziato a progettare le prime riprese.

Così, nel corso dei mesi di Giugno e Luglio, i nostri si sono occupati per giornate intere (le giornate di riprese potevano durare dalla mattina presto alle 23 di sera!) per girare la prima metà delle riprese, dal momento che una delle nostre attrici doveva partire per gli Stati Uniti. Ricordo che ci chiedevamo tutti se ce l’avremmo fatta, per poi scoprire che eravamo così in anticipo sulla tabella di marcia per le sue scene che, a Luglio, abbiamo girato scene che erano previste per la seconda sessione autunnale, che è attualmente in corso.

Nell’arco di un anno, siamo riusciti a passare dal nulla all’aver quasi completato un’intera stagione. Ovviamente, devo anche ringraziare coloro che ci hanno sostenuti, non tanto psicologicamente, ma anche economicamente. Offline Webseries, infatti, ha fatto uso del crowdfunding, dal momento che è difficile girare una webserie quando non hai niente.

Offline Webseries vuole essere una serie fatta da ragazzi che adorano passare il proprio tempo libero sul web, ed è anche un prodotto fatto esclusivamente per volontà di farlo. Anche perché, diciamocelo, è impossibile passare un anno intero dietro ad un progetto, se non hai voglia di farlo.

Con questo articolo, celebro un anno del progetto, consapevole del fatto che non è ancora finita. Grazie tante per il sostegno!

Alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Le traduzioni dei nomi dei Super Sentai

27 Set

Bentornati nel blog vuoto.

Questo 2015 segna il quarantesimo anniversario dalla nascita dei Super Sentai. Per questo, mi andava di scrivere un semplice articolo in cui elenco i vari titoli, traducendoli.

Ecco, quindi, le 39 serie dei Super Sentai!

Continua a leggere

Che Splendida Estate: In Partenza

26 Set

Nella terza ed ultima “pagina”, osserviamo Jessica e le sue amiche in procinto di partire per andare in vacanza per due settimane circa.

Continua a leggere

Che Splendida Estate: Un anno dopo

25 Set

Questa è la seconda di tre “pagine” che servono per introdurre la “seconda stagione” di Che Splendida Estate. Un anno dopo gli eventi raccontati nel corso degli episodi che ho pubblicato questa estate, infatti, ritroviamo i ragazzi del quartiere alle prese con la loro vita di tutti i giorni.

L’arrivo di un nuovo ragazzo, però, sembra essere in procinto di portare una ventata di novità e d’aria fresca al quartiere, dal momento che, anche se non ne parlano mai, è quasi raro che gente da altre parti venga e socializzi qui.

In questa seconda pagina, osserviamo Pedro e Jessica al bar.

Continua a leggere

Che Splendida Estate: Intro

24 Set

Dopo avervi mostrato per tutta l’estate le vicende dei ragazzi del nostro quartiere fittizio preferito, è tempo di passare ad una nuova storia.

Un anno dopo, un nuovo ragazzo, Luca, viene a vivere nel quartiere. Luca sarà il nuovo arrivato, ma c’è qualcosa che lo lega al quartiere. Anzi, qualcuno.

Tuttavia, c’è prima bisogno di introdurre la storia, ragion per cui vi mostrerò tre “pagine” che servono da introduzione alla storia. Ecco a voi la prima, che vi spiega chi sarebbe questo Luca.

Continua a leggere