Archivio | ottobre, 2013

Oltre Tema: Liceo Calamandrei – la creolina e la vergogna

29 Ott

Bentornati nel blog vuoto. A differenza dei soliti articoli che scrivo qui, questo è un pezzo abbastanza serio.

Oggi, infatti, volevo parlarvi di qualcosa legata alla mia adolescenza, ossia il mio liceo. Io, infatti, mi sono diplomato al liceo classico, frequentando il Piero Calamandrei di Ponticelli (quartiere di Napoli).

Tra le varie cose accadute in questi cinque anni (che mai dimenticherò), ricordo che, spesso, se ne inventavano di cotte e di crude pur di non entrare a scuola. Alcuni di loro, per esempio, gettavano delle fialette puzzolenti che rendevano la scuola inagibile per un giorno a causa del fetore (è come vomitare puzza).

Quando, poi, sono andato all’università, e sentivo che il mio liceo era inagibile, non ci pensavo più di tanto: come poteva sorprendermi che gettavano ancora le fialette dopo tutti questi anni?

Poi, però, ho notato che, questo mese di Ottobre, il liceo è stato inagibile per giorni (incontravo amici che ancora lo frequentano che mi dicevano che non si poteva ancora entrare), e la cosa mi ha incuriosito. Per poi scoprire che ci avevano gettato la creolina.

La cosa è durata una settimana, ma, quando sembrava tutto finito, l’hanno gettata di nuovo. Insomma, qua non si tratta più di non voler entrare a scuola: questo è proprio un voler bloccare un liceo!

Tra l’altro, il Calamandrei si trova a Ponticelli, quartiere periferico in cui lo stesso istituto rappresenta una speranza per noi giovani ponticellesi. Quindi, bloccare il Calamandrei è come voler bloccare tutti gli adolescenti della zona (ah, c’è da considerare che molti alunni vengono dai paesini limitrofi della provincia).

Com’è possibile che questa cosa riesca ad andare avanti da giorni, senza che nessuno riesca a fermarli? Perché nessuno fa niente? Si tratta, forse, di un messaggio intimidatorio? Tutte queste cose non sono chiare.

Io spero solo che, prima o poi, possa leggere che tutto sia passato, perché non voglio crederci che cose del genere capitino proprio nel mio liceo, dove ho visto coi miei occhi la voglia di cambiare le cose dei miei compaesani.

Per ora, ahimè, non si può fare nulla (o così sembra), ma spero che la cosa si risolva il prima possibile. Ci conto!

Ora, però, è tempo di chiudere qui con questo articolo, o l’indignazione prevalerà così tanto che scriverei solo rabbia a parole. Noi ci vediamo la prossima volta, sempre qui, sul blog vuoto!

E il prossimo articolo sarà decisamente più leggero di questo.

“X è Christian Grey” o “Perché mezza Hollywood rifiuta un ruolo apparentemente scandaloso”

25 Ott

Bentornati nel blog vuoto.

Oggi volevo parlarvi di qualcosa di cui, sul web, si parla spesso: la trasposizione cinematografica di “50 Sfumature di Grigio”, romanzo noto per il suo genere … beh, molto spinto, cosa che ha spaccato le opinioni a metà. C’è chi pensa che sia un”ottima saga e chi, invece, la critica.

Nata come fanfiction su Twilight, 50 Sfumature di Grigio parla dell’imprenditore Christian Grey e della giovane Anastasia Steele, i quali, dopo essersi conosciuti, iniziano a volersi a più non posso, e la loro passione sfocia nel sesso più sfrenato  (il che è strano, visto che, in tutta la Twilight saga, lo fanno pochissime volte).

Ora, una major cinematografica è andata al di là dello scandalo, vedendoci un incasso cospicuo nel trasporre sul grande schermo questa storia.

Da allora, però, è iniziata una missione apparentemente impossibile: trovare Christian Grey e Anastasia Steele. Perché? Beh, pensateci: se perfino gli attori di Hollywood, i quali di certo non rifiutano una vagonata di soldi, rifiutano di girare questo film, cosa gli avranno proposto?

Infatti, fino a pochi giorni fa, era stata trovata solo Anastasia Steele: dopo il rifiuto delle varie Nina Dobrev, Ashley Benson, Lucy Hale e compagnia bella, Dakota Johnson (recentemente vista in Beastly e 21 Jump Street) ha finalmente accettato la parte, in attesa del suo Christian.

Christian che, però, tardava ad arrivare, perché, dopo Henry Cavill, Ian Somerhalder, Alexander Skarsgaard e soci, anche Charlie Hunnam di Sons o Anarchy – che sembrava finalmente quello ufficiale – aveva fatto dietrofront. Poi, però, si è fatto avanti Jamie Dornan di C’era una volta (ed ex modello di intimo).

Quindi, dopo due interi anni di annunci e rifiuti, finalmente Christian e Anastasia hanno un volto: Jamie Dornan e Dakota Johnson. Ma la domanda resta la stessa: che ne pensate del rifiuto di numerorissimi attori di far parte di questo film, per quanto avesse un potenziale altamente redditizio?

Dite la vostra con un commento qui sotto. L’appuntamento è al prossimo articolo, sempre qui, sul blog vuoto!

Oltre Tema: Il sonno ripulisce il cervello dalle tossine!

25 Ott

Bentornati nel blog vuoto.

L’ennesimo beneficio del sonno è stato scoperto dalla University of Rochester Medical Center.

I ricercatori di questa università, infatti, hanno scoperto che il sistema idraulico che “ripulisce” il cervello dalle tossine è dieci volte più attivo quando si dorme che quando si è svegli. La rimozione delle tossine è indispensabile per malattie come l’Alzheimer, la quale deriva proprio dal troppo accumulo di tossine nel cervello.

Pubblicato il resoconto sulla rivista Science, questa notizia conferma che la notte non porta solo consiglio, ma anche “pulizia”.

Adesso, quindi, andate pure a riposarvi, così da permettere al cervello di mettere a posto tutto. Buona dormita.

Tanto, l’appuntamento è alla prossima, sempre qui, sul blog vuoto!

Flash News: Beautiful cambia il suo Ridge

16 Ott

Bentornati nel blog vuoto.

La notizia di cui vi parlo in questo articolo è una notizia che mi ha lasciato perplesso, per quanto non sia uno che segue Beautiful, o le soap opera in generale.

So che, siccome le soap possono andare avanti per decenni, esse sono l’unico tipo di programma televisivo in cui è concesso di cambiare l’interprete di un personaggio, magari facendo passare qualche anno tra un “cambio” e l’altro, anche senza curarsene della continuità della serie (mi pare di aver letto che, proprio in Beautiful, la figlia di Ridge è cambiata più volte).

Tuttavia, mai avrei pensato che la popolare soap, nota per la sua longevità (per quanto “Sentieri”, durata oltre settant’anni, la faccia sembrare una serie nuovissima), riuscisse ad arrivare a cambiare l’interprete di Ridge, probabilmente il suo personaggio maschile più noto (penso che sia quasi l’unico personaggio maschile che chi, come me, non segue Beautiful conosce).

E’ vero, lo spettacolo deve continuare, ma ciò non giustifica il cambiare Ronn Moss (si scrive così, no?), dopo venticinque anni di apparizione consecutiva nella serie, con un attore tedesco (che, per la cronaca, è Thorsten Kaye, che neanche ci somiglia a Moss).

Mi andava di condividere con voi questa notizia perché, ripeto, trovo strano l’aver deciso di far tornare Ridge con un altro interprete, piuttosto che lasciarlo andare (per farvi capire: avete presente come ha reagito il web alla notizia che Ben Affleck sarà il nuovo Batman? Ecco, immaginate se, invece di Christian Bale, Affleck debba rimpiazzare Michael Keaton dopo un quarto di secolo).

Non so se chiedervi cosa ne pensate, perché dubito che, tra i miei lettori, ci sia qualche appassionato di soap.

Ad ogni modo, noi ci sentiamo al prossimo articolo, sempre qui, sul blog vuoto!

Flash News: Urbino è in Romagna, parola di Facebook!

16 Ott

Bentornati nel blog vuoto. Oggi, con questa “notizia flash”, voglio parlarvi di una notizia curiosa che ho letto poco fa.

Uno stereotipo legato all’istruzione americana è quello secondo cui gli statunitensi non sono pratici in geografia (si possono trovare sul web post di Facebook in cui, per esempio, si insinua che Londra sia la capitale dell’Europa, non solo dell’Inghilterra). Tuttavia, mai si sarebbe pensato che questo tipo di scarsa conoscenza si sarebbe manifestato anche sul web.

Dopo il caso di Google Maps che, a quanto pare, elencava alcune città sarde col nome in dialetto, ecco a voi il caso di Facebook che riporta alcune città marchigiane (tra cui Urbino) come situate in Emilia-Romagna.

Ad accorgersi del problema è stato Gian Mario Spacca, presidente della regione delle Marche, che ha scritto a Zuckerberg perché l’errore fosse corretto.

Così è stato (se volete saperne di più, leggete QUI la notizia).

Conoscete altri casi di errori geografici di Facebook e soci? Raccontatelo con un commento qui sotto. Noi ci diamo appuntamento al prossimo articolo, sempre qui, sul blog vuoto!

The Amazing Spiderman 2: il caso di Mary Jane

16 Ott

Bentornati nel blog vuoto.

Da qualche mese avevo in programma un articolo dedicato al prossimo film sull’Uomo Ragno, ossia “The Amazing Spiderman 2”. In particolare, volevo farlo sul personaggio di Mary Jane Watson, la quale doveva essere introdotta in questo film.

Entrando ancora più a fondo, mi andava di parlare della reazione del fandom alla scelta dell’attrice che avrebbe impersonato la bella rossa compagna di Peter Parker, e cioè Shailene Woodley, star de “La vita segreta di una teenager americana” (che consiglio di guardare per scoprire come sia possibile inserire la parola “sesso” coi suoi derivati in ogni singola conversazione).

Difatti, il  web ha reagito quasi come quando è stato annunciato, pochi mesi dopo, che Ben Affleck sarà il nuovo Batman.

Tuttavia, mentre le critiche a Ben Affleck erano dovute alle sue capacità attoriali dubbie, quelle mosse contro la Woodley erano … di non essere abbastanza bella!

Ora, dopo avervi mostrato come sarebbe stata la Woodley nei panni di Mary Jane Watson, andiamo al sodo di questo articolo.

Mary Jane in TAS2

Molti fan, a quanto pare, non vedono Mary Jane per quello che è, ovvero una ragazza forte che usa la sua bellezza per “mascherarsi”. Certo, a volte ha un carattere un po’ scontroso, ma credo sia una cosa da modelle, per quanto poco ne sappia.

Quindi, dopo aver letto le “polemiche” lanciate dai fan, ho visitato gruppi su Facebook e siti in cui molti parlavano di chi avrebbero voluto come Mary Jane. Alcuni di essi elencavano delle effettive attrici, come Deborah Ann Woll (Jessica di True Blood), Elena Satine (Mera – la moglie di Aquaman – di Smallville) e Holland Roden (Lydia di Teen Wolf), ma molti si limitavano ad elencare donne in pose e atteggiamenti sexy, senza neanche controllare se fossero perlomeno attrici.

Insomma, molti volevano un’altra bomba sexy su cui “fantasticare”, non essendo, apparentemente, compiaciuti dal ritrovarsi Emma Stone schiaffata per mezzo film (almeno credo, visto che è la protagonista femminile), e non una in grado di recitare e che rendesse giustizia alla personalità di MJ.

Credo che questa cosa funga anche da risposta a “perché non fanno quasi mai film su supereroine?” e domande simili: beh, perché il pubblico della suddetta supereroina guarderebbe solo le “qualità” (come un mio amico chiama le curve). In pratica, sarebbe inutile mostrar loro quanto è tosta l’eroina di turno.

La cosa mi dispiace, perché i personaggi femminili dei cinecomics stanno diventando sempre più puro fanservice, quando, in realtà, possono essere sia quello, sia un Personaggio con l’iniziale maiuscola (pensate a Harley Quinn, compagna di Joker).

Ora, però, Mary Jane è stata tagliata dal film, probabilmente per non distogliere l’attenzione da Gwen Stacy, e, a quanto pare, sarà effettuato un re-cast.

Io spero solo che la prossima interprete scelta sappia essere un buon personaggio, e non funga semplicemente da mera presenza femminile usata solo per fini erotici.

Ora, però, sto diventando ridondante, per cui l’articolo finisce qui. Voi che ne pensate delle “polemiche” che i fan hanno posto su Mary Jane nel film? Ditemi la vostra con un commento qui sotto. Noi ci diamo appuntamento al prossimo articolo, sempre qui, sul blog vuoto!

Immagine

Bloosto & Waldo

16 Ott

Bloosto & Waldo

Seconda immagine che ho creato con il “mio” Bloosto. Siccome il mio “momento sclero” si è esaurito subito, questa è rimasta l’ultima. In futuro, però, potrei farne altre.

PS: Waldo dice “Io! Sono Waldo, per gli amici Wally. Sono un maestro nel nascondermi: non mi trova nessuno da 25 anni!”. Non chiedetemi come mai l’immagine è venuta più piccola e non si legge bene la scritta.